E’ certo chi porta i voti in Lega è Zaia non Salvini e i conti andranno fatti

di G.G., #politica

Se una cosa è certa dopo le elezioni del 3 e 4 ottobre è che ci sono due leghe: c’è una Lega che porta voti, che è quella di Zaia e un’altra Lega che i voti li perde insieme alla elezioni, ed è la Lega di Salvini. Di fronte ad un fatto tanto semplice ed incontrovertibile i conti andranno fatti.

Con compassione e umana carità i quattro moschettieri, Giorgetti, Zaia, Fedriga e Fontana, possono tranquillamente permettersi di aspettare il post-ballottaggio nella Capitale che, comunque andranno, vedranno la sconfitta cocente del salvinismo d’assalto teso a vincere nei sondaggi, e che perde tutte le elezioni. In soldoni: se vince Michetti è merito di Meloni, se Michetti perde è colpa di tutta una destra impresentabile che ha fatto il suo tempo.

Dunque la frittata è fatta e il Salvini di Pandora è scoperchiato: a poco gli serviranno (forse di più al piano “b” di cui si vocifera, la nuova formazione semprepiùdestrista “Prima gli Italiani”) le apparizioni televisive dove, con aria contrita, piange i suoi è colpa nostra se le persone non vanno a votare come se la strategia non fosse stata quella di svuotare la politica di significato per accaparrarsi, alle urne, i voti del popolino: quello che si imbonisce dentro.

E’ presto per dire che dentro la Lega si è arrivati al redde rationem, ma non è certo presto per dire che ci si è quasi. Mai si è visto, nella storia della politica italiana degli ultimi cinque lustri, un segretario di partito tanto roboantealtrettanto perdente. Forse solo Meloni sarà in grado di superare anche questo record.

 

(5 ottobre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,635FansMi piace
2,382FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: