Cerca di mettere alla berlina il compenso di senatrice di Liliana Segre (che lei devolve in beneficenza) via social

Pretendeva di mettere alla berlina la Senatrice Liliana Segre, per odio gratuito e insensato evidentemente, come ogni odio che si rispetti, ma rimedia un autogol clamoroso e viene schiaffeggiato persino dalla regione Friuli Venezia Giulia. Succede dal profilo Facebook dell’ennesimo mattacchione – tal Marino Screm, gestore della Malga Pramosio a Paluzza (Udine), dove avvenne un eccidio nazifascista nel 1944, autore del post poi rimosso.

Denuncia il fatto il stato il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin e lo screenshot del post viene pubblicato da Il Gazzettino che fornisce anche una traduzione dell’indegno post poi rimosso: “questa cotenna di maiale non va bene nemmeno insieme ai crauti“.

Liliana Segre devolve interamente i suoi emolumenti di Senatrice a vita in beneficenza

Lo scritto è attribuito a Screm, rispetto alla cui bravata Zanin commenta: “Un insulto ingiustificabile e vergognoso che non può passare inosservato, a maggior ragione se indegnamente formulato da colui che gestisce un bene regionale ad alto impatto simbolico quale Malga Pramosio e nei cui confronti si devono attivare immediate procedure di verifica”.

(22 gennaio 2021)

Gaiaitalia.com 2021 | diritti riservati, riproduzione vietata

Altri Articoli

Seguiteci

4,509FansMi piace
2,391FollowerSegui
115IscrittiIscriviti
Pubblicità

Ultime copertine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: