Pubblicità
14.2 C
Venezia
14.6 C
Trieste
13.3 C
Bolzano
18.3 C
Roma
Pubblicità
PubblicitàAruba Fibra veloce

VENEZIA

HomeCopertina VenetoProgramma Oculus, sgomberato il sottopasso Santa Maria dei Battuti. Eseguiti sopralluoghi anche...

Programma Oculus, sgomberato il sottopasso Santa Maria dei Battuti. Eseguiti sopralluoghi anche su segnalazione dei cittadini

GAIAITALIA.COM VENETO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

Nei giorni scorsi è stato effettuato lo sgombero del sottopasso Santa Maria dei Battuti, in via Giovanni da Verrazzano. Congiuntamente a Veritas, è stata effettuata la  rimozione di alcuni bivacchi e la sistemazione della recinzione precedentemente divelta.

Un altro sgombero è stato effettuato nell’area del Comune destinata a studentato, ex ambulatorio ULSS 12 a Mestre, in via Torino 153, dove è stata riscontrata la presenza di due soggetti, uno di nazionalità italiana e uno di nazionalità colombiana, che si erano costruiti un giaciglio all’interno di una delle stanze presenti nell’edificio. Anche in questo caso Veritas ha proceduto alla rimozione dei bivacchi presenti e alla chiusura degli accessi divelti.

E’ stato inoltre effettuato, prima della loro demolizione, lo sgombero delle casette comunali ubicate in Piazza del Mercato, in corrispondenza dei civici 30 e 39, in quanto si era verificata l’effrazione di due accessi precedentemente chiusi.

Sono stati poi effettuati alcuni sopralluoghi, a seguito di segnalazioni della cittadinanza, nel fabbricato abbandonato  a Mestre in via Forte Marghera 241, di proprietà dell’Agenzia del Demanio; nell’ edificio ex Unicredit, in via Forte Marghera 101, di privata proprietà; all’ex asilo Sacro Cuore a Marghera, in piazza Sant’Antonio 16, di proprietà dell’ULSS 3 Serenissima, dove sono iniziati i lavori di riqualificazione dell’area e l’ex auditorium Plip (Palaplip), di proprietà del Comune di Venezia.

Un ulteriore controllo è stato effettuato nell’area verde situata nel retro del cinema teatro Aurora a Marghera in via Padre Egidio Gelain, oggetto di intrusione di soggetti non autorizzati intenti al consumo di sostanze stupefacenti. Qui, nei prossimi giorni, la Parrocchia di Sant’Antonio di Marghera, proprietaria dell’area, provvederà a ripristinare la recinzione divelta e a rimuovere i rifiuti.

 

(24 gennaio 2024)

©gaiaitalia.com 2024 – diritti riservati, riproduzione vietato

 





 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità