5.8 C
Venezia
martedì, Dicembre 6, 2022

Ci scrive un lettore da Venezia: “Meglio i ritardi delle partenze anticipate (succede anche quello)”

Altri articoli

Share

di Redazione Veneto

Riceviamo e pubblichiamo da un lettore residente a Venezia.

Dunque… eravamo in molti, all’imbarcadero di s. Zaccaria, capolinea del battello n.2. La partenza doveva essere alle 18.13, ma il ritardo era evidente. A quell’ora attraccava a S.Giorgio per arrivare alcuni minuti dopo, scaricare i numerosi passeggeri e ripartire vuoto riprendendo la sua rotta a ritroso. Conosco da quarant’anni la mentalità contorta di quest’azienda che non vuol sentirsi dire di essere un servizio pubblico. Sembrano vivere nel paese di Utopia in cui ogni natante è sempre idealmente in orario. Deve esserlo… con o senza passeggeri, soprattutto senza. In questo modo quel magico solitario battello si sarà trovato puntualissimo alla terza fermata. Meglio così che veder brutalizzare i passeggeri anziani incolpevoli dei loro ritardi. Peraltro il servizio è gravemente carente in confronto all’assalto turistico.
Intanto, i soloni dell’azienda hanno ben pensato di eliminare gli abbonamenti per i residenti delle isole ed i prezzi speciali per il servizio di solo traghetto… Bravi! Peraltro tutto ciò mi ricorda un episodio dei primi anni ottanta, in pieno Carnevale: i battelli partivano dalla stazione per portare direttamente a San Marco, con il risultato di intasare il centro, invece di far scendere man mano i passeggeri… Era una domenica, arrivavo da Genova e sono dovuto tornare fino a San Samuele fendendo la folla come un salmone.
Alle 18.25, o qualche minuto più tardi siamo, finalmente, partiti in moltissimi, con un equipaggio molto perplesso della strana avventura. Sempre meglio i ritardi, comunque, delle partenze anticipate, perché succede anche questo!”

 

(23 settembre 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: