Pubblicità
14.2 C
Venezia
14.6 C
Trieste
13.3 C
Bolzano
18.3 C
Roma
Pubblicità
PubblicitàAruba Fibra veloce

VENEZIA

HomeCopertina Veneto"Vielheit . Storie dalla società post-migrante", a cura di Jörn Schafaff. Kunst...

“Vielheit [molteplicità]. Storie dalla società post-migrante”, a cura di Jörn Schafaff. Kunst Meran Merano Arte: dal 18 giugno al 24 settembre 2023

GAIAITALIA.COM VENETO anche su TELEGRAMIscrivetevi al nostro Canale Telegram

La realtà sociale odierna, in Europa così come in molte altre parti del mondo, è post-migrante, ovvero caratterizzata dalla convivenza quotidiana di persone di origini, nonché background culturali, sociali, etnici e religiosi differenti. Tuttavia, spesso l’approccio mediatico e il discorso politico non riflettono questa “molteplicità”. La mostra Vielheit [molteplicità] ci invita a esplorare la complessità delle società post-migranti attraverso narrazioni personali e considerazioni generali: come cambiano le preferenze, le abitudini, le percezioni e le relazioni in un mondo sempre più caratterizzato dalla molteplicità? Dove e come diventa visibile il cambiamento? Quali sfide ne derivano per gli individui, per i gruppi e per la società nel suo complesso? I contributi artistici proposti in mostra ci incoraggiano a pensare alla molteplicità in qualità di spazio di possibilità, ma anche come a una sfida.

Ad esempio, l’Alto Adige è meta di migrazioni per persone provenienti da altre regioni italiane, altri stati europei o altri continenti e tutte queste persone portano con sé le proprie esperienze, conoscenze, idee, estetiche e modi di vivere.

L’opera linguistic landscapes (how do we come together in our differences?) (2023), dall’artista di origine meranese Barbara Gamper, nasce proprio da riflessioni su questo contesto. Attraverso un questionario e un workshop, l’artista ha discusso con studenti e studentesse di Merano di temi quali l’appartenenza, la partecipazione, il futuro e il potere della lingua. Ne è nato un doppio banner su cui i pensieri dei e delle giovani sono condensati in una “Word Cloud”. Sempre realizzata appositamente per questa mostra, la nuova installazione dell’artista tailandese Rirkrit Tiravanija untitled 2023 (neighbours) (2023) mostra su più schermi persone di origini diverse che raccontano il loro arrivo a Merano, la loro vita attuale e i loro desideri per il futuro. La piattaforma di legno su cui poggiano gli schermi fa riferimento all’esperienza migratoria dell’artista stesso: ha le dimensioni, infatti, della prima stanza in cui ha vissuto dai 19 anni, quando si è trasferito dalla Thailandia per studiare in Canada.

Anche il cortometraggio Inventur Metzstraße 11 (1975) di Želimir Žilnik è sviluppato per interviste dirette: il regista serbo ha chiesto agli inquilini e alle inquiline di un condominio di Monaco di presentarsi davanti alla telecamera. Il risultato è un ritratto vivido e toccante delle condizioni di vita dei cosiddetti “Gastarbeiter”, termine coniato nella Germania Ovest degli anni del boom economico per designare i lavoratori immigrati, provenienti soprattutto dalla Grecia, dalla Turchia e dall’Italia.

La storia del XX secolo ci ricorda che la migrazione non è affatto un elemento di novità e che, al contrario, è più spesso la stanzialità a costituire un’eccezione.

Quindi, invece di continuare a distinguere tra “residenti” e “nuovi arrivati”, sembra più sensato concentrarsi sui cambiamenti nell’ambiente di vita come interesse comune. Vielheit, la molteplicità, è un concetto utile a questo scopo: racchiude un gran numero di elementi disparati, una varietà che può essere pensata insieme nonostante le differenze. Anche lo studioso di migrazioni Mark Terkessidis usa il termine in questa accezione nelle sue riflessioni sulla società post-migrante. Egli ritiene che la molteplicità riguardi diversi ambiti, non solo quello migratorio, ma che, tuttavia, esso ne costituisca un elemento essenziale.

In senso più ampio, legge la pluralità come la base della coesistenza sociale e la migrazione come un processo dinamico che interessa tutti i settori della società.

La pluralità risulta particolarmente evidente in quei luoghi che danno vita alle società post-migranti. Il libro Hidden Islam (2014) dell’artista residente a Bolzano Nicolò Degiorgis propone fotografie di spazi di preghiera musulmani nel nord Italia, scattate nel corso di lunghi anni di ricerca. Parallelamente, Degiorgis ha raccolto anche testimonianze del dibattito pubblico legato a questi luoghi, spesso segnato da posizioni razziste. Ne costituisce un esempio Case Studies TV31020 (2009 – 2013), un’installazione a parete proposta in mostra che comprende fotografie, articoli e documenti.

Il video The Song (2022) dell’artista cresciuta in Pakistan Bani Abidi accompagna un uomo anziano al suo arrivo a Berlino. Con strumenti improvvisati, cerca di rendere sopportabile il silenzio del suo nuovo appartamento, in ricordo del rumore di fondo a cui era abituato nel suo luogo d’origine, una metropoli non ben identificata del sud del mondo. L’artista nata a Parigi Nadira Husain, invece, crea dipinti che sono luoghi mentali transculturali, come An Elephant in Front of the Window, Kulfi (2022), in cui i motivi della pittura classica indiana e i pezzi della cultura fumettistica europea si combinano con questioni di queerness e di empowerment femminista.

Un’altra tematica affrontata in mostra riguarda le nozioni di identità e gli stereotipi culturali. Bouquet IX (2012) dell’artista olandese Willem de Rooij è un magnifico bouquet di fiori i cui boccioli sono accomunati dal colore bianco. Tuttavia, la loro forma è molto diversa e la maggior parte di queste piante non è originaria dell’Europa. La scultura può quindi essere vista come una riflessione sulla tensione tra concetti astratti come uguaglianza e differenza e sulle connotazioni storico-sociali del colore bianco. Escultura Salsera II (2014) dell’artista cresciuta in Venezuela Sol Calero è una scultura costituita da mattoni, un piedistallo e tessuto che assomiglia a una ballerina di salsa. Passando dall’astrazione alla figurazione con colori vivaci, l’opera sembra essere un simbolo della cultura latino-americana, ma soprattutto si interroga su cosa significhi dare tali attribuzioni.

Attraverso approcci diversi, documentari e poetici, gli interventi artistici in mostra esplorano cosa significa comprendere i cambiamenti sociali e culturali al di là delle semplici concezioni di appartenenza. L’attenzione è rivolta non da ultimo a quelli che la studiosa di migrazione Regina Römhild ha definito “momenti eterotopici di convivialità”: quei tanti piccoli eventi di successo basati sulla cooperazione, che contrastano la stigmatizzazione populista della migrazione e delle sue conseguenze.

Public Program

Come parte integrante del progetto, il programma collaterale di attività didattiche e eventi invita a riflettere sul futuro della coesistenza sociale nel territorio assieme ad artist*, accademic* e attivist*.

Il 17 giugno, in occasione dell’opening, Barbara Gamper propone un “intervento somatico”. Dopo la proiezione del suo film Gurbet Is A Home Now (2021), l’artista Pinar Öğrenci discuterà con il ricercatore sulla migrazione Erol Yildiz del significato dell’architettura, dell’edilizia e dello sviluppo urbano nelle società post-migranti. Per quattro giovedì di giugno e luglio, Kunst Meran invita il pubblico a partecipare a Haircuts With Attitude, un salone da parrucchiere fittizio nel centro di Merano. Davanti a drink e ascoltando un po’ di musica, l’artista Filippo Contatore taglierà i capelli ai suoi e alle sue ospiti – tra cui la ricercatrice sulle migrazioni Claudia Lintner e la critica d’arte e autrice Rosalyn D’Mello – e parlerà con loro di questioni di identità culturale. Il programma prevede anche la proiezione del nuovo documentario di Manuela Boezio e Federico Scienza Dodici di noi (2023), dedicato alla convivenza post-migrante in Alto Adige. Un workshop dedicato alle persone più giovani esplorerà la questione di come potrebbe essere la coesistenza tra le idee personali di identità e l’appartenenza a un gruppo; alla fine sarà anche possibile tagliarsi i capelli.

Per l’ultimo fine settimana di mostra sono previsti due diversi appuntamenti: un workshop contro il razzismo con Fouzia Kinyanjui e Ivo Passler (di Human Rights Initiatives) e il Kunsthaus Clubbing Transcultural Sunday Lounge, con DJ Kandeesha che farà vibrare le pareti del Kunsthaus con una selezione della sua “Musica Disorientale”.

 

 

(31 maggio 2023)

©gaiaitalia.com 2023 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 



Pubblicità