Il Veneto riapre le piste da sci. Anzi no. Speranza firma il decreto che le mantiene chiuse

Limite di capienza degli impianti al 30% per la riapertura della stagione sciistica in Veneto, dopo che Bolzano e Trentino – che volevano riaprire in contemporanea – sono tornate in zona rossa, e nonostante le raccomandazione del Governatore Zaia ha raccomandato di rispettare le regole arrivando la riapertura in un momento in cui “il virus è ancora tra noi e l’emergenza richiede ancora di tenere alta la guardia. Richiamo tutti al rigoroso rispetto delle linee guida e alla sobrietà e correttezza dei comportamenti!, non sono bastati.

Il ministro Speranza ha infatti emanato un decreto che mantiene la chiusura delle piste da sci almeno fino al 5 marzo essendo la situazione sanitaria resa più pericolosa dall’alto numero di casi di variante inglese e sudafricana, molto più contagiose.

E’ l’ennesima decisione presa a poche ore da una riapertura decisa e mai smentita che non può che esasperare una già difficile situazione economica e sociale. Si auspicherebbe una maggiore saggezza da chi sta al governo da ora in poi, considerando che non c’era un governo in carica fino ad oggi che potesse firmare nuove misure da mettere in vigore

(14 febbraio 2021)

Gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,635FansMi piace
2,382FollowerSegui
119IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: