A Treviso, da Vienna, il Ritratto del Doge di Bernardo Strozzi

di Redazione, #Arte

E’ un capolavoro d’arte ma anche un’opera di simbolica attualità quella che (dal 13 novembre al 13 febbraio) giunge al Museo di Santa Caterina da Kunsthistorisches di Vienna. Si tratta del celebre Ritratto del Doge Francesco Erizzo, capolavoro indiscusso di Bernardo Strozzi.

Il progetto “Un capolavoro per Treviso – evidenza il Direttore dei Civici  Musei Fabrizio Malachin, è “uno dei frutti della rete di collegamenti che i Civici trevigiani stanno intessendo con i grandi musei europei. Il capolavoro dello Strozzi giunge a Treviso dal Kunsthistorisches a seguito del prestito al museo viennese del trevigiano Ritratto di Sperone Speroni del Tiziano.

Il Ritratto di Francesco Erizzo dello Strozzi,  permette di valorizzare una tra le più significative sezioni delle collezioni civiche: oltre 50 ritratti con opere di Lotto, Tiziano, Tintoretto, Palma il Giovane. Il doge trova quindi il suo posto d’onore nella galleria dei ritratti, tra altre figure con ruolo istituzionale di rilievo (alcune solitamente conservate nei depositi) come Senatori, Procuratori e ufficiali.

Bernardo Strozzi rappresenta il doge Erizzo nella sua terza età. Sergio Marinelli, che a lungo ha studiato l’opera, mette in luce come  nel dipinto lo status dogale sia meravigliosamente evidenziato dall’abito, quasi una “divisa”, naturalmente sontuosa. Con stoffe e colori preziosi di rosso, il bianco dell’ermellino, il giallo oro. Accostati, quasi a contrapposizione, ai tratti sereni e distaccati del volto, non idealizzati, colti nella stanchezza della sua vecchiaia. Il doge che vi appare come un “Babbo Natale dello Stato, figura paterna e sicuramente affidabile”.

La sorpresa della scoperta della qualità pittorica di questo grandioso capolavoro della ritrattistica è già nelle parole di Giuseppe Fiocco, che nel 1922 scrisse: “Il ritratto…dovette essere un trionfo ed è certo anche per noi uno dei più mirabili dipinti del tempo; degno di un Vélazquez per la severità dell’espressione e per la sapienza del tocco fluente e costruttivo.”

Del dipinto esiste una variante, meno intensa, conservata alle Gallerie dell’Accademia mentre diverse copie e varianti hanno continuato ad apparire sul mercato antiquariale, a testimoniare il prestigio del prototipo. Strozzi, genovese, nella capitale ligure fu frate cappuccino e insieme artista di successo. Finì processato e condannato per apostasia, obbligato a rivestire il saio, rinchiuso per 18 mesi tra carcere e convento in regime di severissima segregazione, prima di riconquistare la libertà grazie all’esito positivo dell’ennesimo tentativo di fuga.

Nella Serenissima è il doge Erizzo ad accogliere a sua supplica e a renderlo nuovamente libero di esprimere le sue capacità artistiche. Nella nuova patria,  il foresto non faticò molto ad imporre la sua supremazia. Si mette subito in luce completando la decorazione del soffitto della Biblioteca Marciana, ma fu nel ruolo di ritrattista che Strozzi primeggiò.

Oltre al ritratto del doge Erizzo, sono del suo primo periodo veneziano quelli del cardinal  Federico Corner e del vescovo Alvise Grimani. Il successo lo porta presto a ricostruire a Venezia il modello imprenditoriale che lo aveva reso protagonista in Liguria, basato sulla gestione di una grande bottega-laboratorio con molti allievi. Da questa escono dipinti di ogni genere, non solo ritratti, nature morte e scene sacre m anche paesaggi. Insomma opere per tutte le tasche e tutti i gusti. Quando il maestro si applicava di persona, come nel ritratto dogale, mostra di saper raggiungere vertici altissimi. Fabrizio Malachin, rifacendosi anche a fonti antiche, di lui afferma che “per puro talento pittorico, ebbe certamente pochi in grado di eguagliarlo, nessuno di superarlo. Agli echi caravaggeschi degli esordi, seppe unire in stile personale la luminosità di Paolo Veronese e il colorismo di Pieter Paul Rubens, al sensuale pittoricismo ritrattistico di Anton van Diyck”.

E’ possibile ammirare il dipinto sino al 13 febbraio in Santa Caterina. Informazioni ai Musei Civici di Treviso, www.museicivicitreviso.it, chiamando il numero +39 0422658951 o scrivendo a info@museicivicitreviso.it.

 

(20 novembre 2021)

©gaiaitalia.com 2021 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 




 

 

 

 

 

 

 



POTREBBERO INTERESSARTI

SEGUITECI

4,826FansMi piace
2,399FollowerSegui
131IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: